Un minuto per te

Un nuovo spunto di riflessione sulla rivista Starbene a cura di Rossana Cavaglieri che ha intervistato la prof.ssa Maria Beatrice Toro. Questa immagine ci rimanda un senso di fragilità, di perdita; la quercia, che è sicuramente l’albero più forte, si presenta mentre perde le sue foglie, dopo l’abbondanza e la pienezza dell’estate. I momenti di passaggio, nelle stagioni, così come nella vita- sostiene la prof.ssa Maria Beatrice Toro- ci rendono fragili ma non dobbiamo avere paura. Essere gentili e sensibili non rappresenta  una nostra debolezza, quanto piuttosto la  capacità di prenderci cura di noi stessi e degli altri, così come il ghiaccio accoglie le foglie ormai cadute.

Rispondi